Archivio

Post Taggati ‘incinta’

LA MAMMA DEI FESSI E’ SEMPRE INCINTA

6 Marzo 2007 9 commenti


Spero che l’amico RAZ mi perdonerà se “intervallo” la serie NON SEMPRE IL MODULO BLU con alcune considerazioni che, a questo punto, mi appaiono necessarie.
Su ONIRISMO METROPOLITANO, una banda di incolti di cui non mette conto riportare il nome ha espresso valutazioni sul contenuto dei fumetti della sezione Lotta Femminile. E’ chiaro che ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni, ma questo dovrebbe essere fatto secondo questi presupposti: a) Rispetto delle opinioni altrui, senza ricorrere ad insulti ed invettive gratuiti; b) Conoscenza della materia.
Gli UNDERGROUND americani del secondo dopoguerra, piaccia o meno, sono padri artistici di buona parte della produzione successiva. Disegnatori come Stanton, Eneg, Glen, etc. , hanno pesantemente influenzato lo stile di chi li ha seguiti, da Boris Vallejo a Pichard, da Federico Sardelli a Guido Crepax, giù giù fino a Giovanna Casotto (e non a caso riporto anche il nome di una disegnatrice, per buona pace delle veterofemministe da mercatino rionale). Si può discutere all’infinito sulle loro opere e sul gradimento o meno di esse, ma ciò che non può essere discussa è la loro caratura di disegnatori, come il loro posto nella storia del fumetto e del disegno erotico in genere.
Ora, secondo questi emeriti imbecilli (qui sono a casa mia e parlo come mi pare), certe opere si qualificano come fumetti “da camionisti”. A parte ogni considerazione sullo scarso rispetto per una categoria che questi signori certamente conoscono solo per sentito dire, una definizione di questo tipo altro non manifesta se non la belluina ignoranza di chi vi si è abbandonato.
Non me ne faccio un problema: la schiera dei benpensanti da romanzo d’appendice ha anch’essa diritto ad una “rappresentanza”, e bisogna tollerarne la presenza; ma la tolleranza è quella che a loro manca. A loro sfugge il concetto per cui ognuno ha il diritto di manifestare le proprie idee e le proprie tendenze, e si abbandonano a crociate ruiniane senza avere la enorme preparazione culturale di un teologo di tale stazza.
Per quanto mi riguarda, con la doverosa esclusione di pedofilia, necrofilia e deviazioni violente in genere, sono e sarò sempre pronto a difendere i gusti e le tendenze di chi è diverso da me, così come quelli di chi la pensa come me. E’ un concetto di Libertà con la L maiuscola, quello che viene in considerazione: non condivido ciò che dici, ma sono pronto a difendere il tuo diritto di dirlo.
A questi “fessi” manca, purtroppo, questo tassello del mosaico evolutivo. Ma, purtroppo, la loro mamma è sessualmente molto attiva e, come dice il vecchio “adagio”, è sempre incinta.

L’illustrazione che accompagna questo articolo – e sono certo che RAZ condividerà la scelta – è tratta da un catalogo di Eric Stanton: il Re.

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,