Home > Senza categoria > LA MAMMA DEI FESSI E’ SEMPRE INCINTA

LA MAMMA DEI FESSI E’ SEMPRE INCINTA

6 Marzo 2007


Spero che l’amico RAZ mi perdonerà se “intervallo” la serie NON SEMPRE IL MODULO BLU con alcune considerazioni che, a questo punto, mi appaiono necessarie.
Su ONIRISMO METROPOLITANO, una banda di incolti di cui non mette conto riportare il nome ha espresso valutazioni sul contenuto dei fumetti della sezione Lotta Femminile. E’ chiaro che ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni, ma questo dovrebbe essere fatto secondo questi presupposti: a) Rispetto delle opinioni altrui, senza ricorrere ad insulti ed invettive gratuiti; b) Conoscenza della materia.
Gli UNDERGROUND americani del secondo dopoguerra, piaccia o meno, sono padri artistici di buona parte della produzione successiva. Disegnatori come Stanton, Eneg, Glen, etc. , hanno pesantemente influenzato lo stile di chi li ha seguiti, da Boris Vallejo a Pichard, da Federico Sardelli a Guido Crepax, giù giù fino a Giovanna Casotto (e non a caso riporto anche il nome di una disegnatrice, per buona pace delle veterofemministe da mercatino rionale). Si può discutere all’infinito sulle loro opere e sul gradimento o meno di esse, ma ciò che non può essere discussa è la loro caratura di disegnatori, come il loro posto nella storia del fumetto e del disegno erotico in genere.
Ora, secondo questi emeriti imbecilli (qui sono a casa mia e parlo come mi pare), certe opere si qualificano come fumetti “da camionisti”. A parte ogni considerazione sullo scarso rispetto per una categoria che questi signori certamente conoscono solo per sentito dire, una definizione di questo tipo altro non manifesta se non la belluina ignoranza di chi vi si è abbandonato.
Non me ne faccio un problema: la schiera dei benpensanti da romanzo d’appendice ha anch’essa diritto ad una “rappresentanza”, e bisogna tollerarne la presenza; ma la tolleranza è quella che a loro manca. A loro sfugge il concetto per cui ognuno ha il diritto di manifestare le proprie idee e le proprie tendenze, e si abbandonano a crociate ruiniane senza avere la enorme preparazione culturale di un teologo di tale stazza.
Per quanto mi riguarda, con la doverosa esclusione di pedofilia, necrofilia e deviazioni violente in genere, sono e sarò sempre pronto a difendere i gusti e le tendenze di chi è diverso da me, così come quelli di chi la pensa come me. E’ un concetto di Libertà con la L maiuscola, quello che viene in considerazione: non condivido ciò che dici, ma sono pronto a difendere il tuo diritto di dirlo.
A questi “fessi” manca, purtroppo, questo tassello del mosaico evolutivo. Ma, purtroppo, la loro mamma è sessualmente molto attiva e, come dice il vecchio “adagio”, è sempre incinta.

L’illustrazione che accompagna questo articolo – e sono certo che RAZ condividerà la scelta – è tratta da un catalogo di Eric Stanton: il Re.

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,
  1. Raz
    6 Marzo 2007 a 11:55 | #1

    Condivido Mario, è ovvio.
    C’è un altro detto, ke senz’altro conoscerai:
    “Non discutere mai con un imbecille, la gente potrebbe non notare la differenza.”
    -Oscar Wilde-

    Per cui direi di chiuderla qui.

  2. Mario
    6 Marzo 2007 a 12:01 | #2

    Accetto il tuo consiglio e la chiudo qui…tant’è vero che non andrò nemmeno avedere se ci saranno ulteriori seguiti. Ho di meglio da fare, grazie a Dio. Ma, forse, di qualche precisazione c’era bisogno anche qui, nel blog…chissà che non fornisca qualche spunto di riflessione? Soprattutto per far capire ai visitatori che di questo argomento si può parlare a vari livelli…

  3. Mario
    6 Marzo 2007 a 13:02 | #3

    Per la verità, una rispostina l’ho ancora data…quelli credono che l’autore dei fumetti sia IO, ragazzi!!!! ‘azz, io ero tra i pochi che riuscivano a prendere 4 anche in disegno geometrico, pensate un po’! Per avere una mano come quella di Raz sarei anche disposto a farmi coprire d’insulti, altro che…
    Spero che stavolta l’abbiano capita…però, a pensarci bene dovrei sentirmi lusingato: illustratore io? Se fosse per le mie capacità, la storia dell’Arte non avrebbe espresso nemmeno i grafiti rupestri…
    Minchia ragazzi…vi presento MARIUS VALLEJO !!!

  4. Raz
    6 Marzo 2007 a 13:15 | #4

    E chi a detto ke alludevano a me? Magari alludevano a Konstantin.

  5. Mario
    6 Marzo 2007 a 14:12 | #5

    Raz…a proposito del tuo invito a venire qui in Onirismo…hai fatto benissimo, ma non credo che l’invito sarà raccolto da qualcuno…e nemmeno so se augurarmelo. Quel che è certo è che QUI non sono disposto a tollerare intemperanze: su un piano di dialogo civile accetto qualsiasi discussione, ma insulti e attacchi personali scorretti prenderanno la via del cestino.
    Chi vuole la chiami pure censura; io preferisco chiamarla “mantenimento dell’igiene”… :-)

  6. Marius Vallejo
    6 Marzo 2007 a 14:46 | #6

    Buenos dias a todos los cabrones de este lugar, y sobre todo a RAZ, el alcalde de toda esta compania de cornudones pervertidos que se matan de pippas (como os las llaman) al ver ilustraciones de lucha femenina.
    Quiero aclarar que todas las obras gràficas de esta madriguera de cojones no estan debujadas por RAZ, que no es algo capaz de ver la diferencia entre un lapiz y un arado, sino para MI, el unico y solo MARIUS VALLEJO.

  7. Raz
    6 Marzo 2007 a 15:32 | #7

    Verranno, verranno, senza lasciare traccia, ma verranno.
    Non solo verranno, ma secondo me son già “venuti” e più di una volta!

    Ke umorismo di bassa lega! E questo sarebbe erotismo? AH! AH! AH!

  8. Raz
    6 Marzo 2007 a 20:55 | #8

    -L’artro giorno ‘a maestra me fa… dice………Enrichè dimme ‘mpo’, è er sole ke gira ‘ntorno a la tera o è la tera ke gira ‘ntorno ar sole?-
    -Nun lo so, ‘n c’ho fatto mai caso.-

    -Aldo Fabrizi-

  9. Anto
    6 Marzo 2007 a 22:52 | #9

    Ottimo intervento, Mario. Educato ma fermo. Approvo pienamente!

I commenti sono chiusi.